La mania del selfie: dallo scatto delle vacanze alla foto porno

Published by:

ragazze-scatto-selfie

Al giorno d’oggi si sente parlare sempre più di “selfie”. E non solo parlare. Alzi la mano chi non ha mai rivolto l’obiettivo della fotocamera del proprio cellulare verso se stesso e ha scattato la fatidica foto.

Ma perché non chiamarlo semplicemente autoscatto? La definizione di selfie rivela che si tratta proprio di un autoscatto realizzato puntando verso se stessi o verso uno specchio una fotocamera digitale, uno smartphone, un tablet o una webcam. In pratica, bisogna avere a disposizione un qualsiasi dispositivo elettronico che consenta di registrare un’immagine ed il gioco è fatto. Anche una macchina fotografica con pellicola consente di realizzare un autoscatto, se ne sono sempre fatti, ma la foto stampata non permette la diffusione dell’immagine sul web. Infatti, la peculiarità dei selfie è l’uso a cui normalmente sono destinati: la pubblicazione sui social network.

ragazza-fa-sexy-selfie

Ecco perché possiamo parlare di una vera e propria “selfie-mania”. Non si tratta semplicemente di foto, ma di momenti della vita di una persona condivisi con un gran numero di altre persone. Molte di più rispetto a quelle che in passato, prima del boom di internet e dei social network, invitavamo a casa per vedere le foto delle vacanze.

selfie-ragazzo-gay

Oggi abbiamo a disposizione piattaforme su cui possiamo documentare ogni attimo della nostra vita, anche quelli più intimi. In effetti l’approccio social ha aperto una porta anche sul lato sessuale della gente. Così è scoppiata la moda della foto porno. Pornostagram è un’applicazione nata a Lione dal francese Quentin Lechémia che, vista la popolarità di Instagram, ha pensato di creare una piattaforma dove si potessero pubblicare foto erotiche. In quest’ambito il selfie ha qualcosa in comune col suo predecessore, ossia l’autoscatto artistico. Anche se, come è successo per la gran parte delle cose che il web ha rivoluzionato, nei selfie porno sono assenti quegli aspetti tecnici ed artistici che possiamo trovare in una foto di nudo d’autore. La possibilità di scattare facilmente anche con un semplice smartphone e quella di poter pubblicare gli scatti su siti appositi, infatti, ha portato ad una situazione in cui ciascuno di noi può improvvisarsi artista di se stesso. La qualità è chiaramente diminuita, ma il fenomeno ha reso il tutto ad una portata più popolare.

Investire in oro e in argento per costruire il proprio futuro

Published by:

oro_comprare_investire

Investire su qualcosa di poco stabile rappresenta un pericoloso azzardo che potrebbe mettere a rischio i propri guadagni. Investire in oro e in argento, invece, non espone a rischi, perché i metalli preziosi non perdono mai il loro valore di mercato, anche se in alcuni periodi si registra un lieve calo, dopo poco tempo le quotazioni risalgono in maniera vertiginosa.

Perché investire in oro e in argento?

L’oro e l’argento, fin dalla notte dei tempi, hanno evocato sogni di ricchezza e facili prospettive di guadagno. Gli scavi archeologici hanno riportato alla luce gioielli e suppellettili pregiate, a riprova del fatto che i metalli preziosi non sono soggetti alle mode del momento, ma rappresentano una costante in ogni epoca.

In un momento di relativa incertezza economica quali motivi dovrebbero indurci a investire in oro e in argento?

  • Il valore dell’oro e dell’argento rimane sempre elevato, anche nei momenti di crisi;
  • Comprare oro e argento significa avere la possibilità di rivenderli a prezzi elevati;
  • E’ possibile acquistare online in tempo reale, senza muoversi dalla proprie scrivania;
  • L’oro e l’argento sono beni non deperibili, di durata illimitata e garantiscono un patrimonio da sfruttare facilmente in qualsiasi momento.

Comprare oro e argento

“Compro oro” e “Compro argento”, perché non rimangano solo buoni propositi, devono diventare un imperativo categorico per chi aspira a una buona solidità economica.
Perché rischiare di perdere grossi capitali, investendo in settori che non offrono sufficienti garanzie? Perché non provare, invece, a investire su metalli preziosi che rappresentano il passato e il futuro della nostra economia?

La febbre dell’oro

Una volta i cercatori d’oro non esitavano a lasciarsi tutto il loro mondo alle spalle pur di lanciarsi in un’avventura affascinante, ma piena di pericoli, abbagliati dalla febbre dell’oro. Oggi, con un modesto capitale, è possibile ricavare buoni profitti, il trading online rappresenta un modo efficace per cogliere i frutti del proprio investimento, in modo da ammortizzare le spese e costruire, lingotto su lingotto, il proprio futuro.

L’oro e l’argento rappresentano, senza dubbio, un trait d’union tra passato e futuro, un passaporto verso un’allettante stabilità economica.

L’esplosione del porno nel Medio Oriente

Published by:

ragazze_mussulmane_sexy

Il mondo è un posto grande e le lacune culturali sono enormi. Ma ci sono alcune cose che collegano le persone attraverso le frontiere. Alcune persone sostengono che il cibo sia il migliore collante, mentre altri dicono che sia l’educazione. Ma c’è un nuovo concorrente: il porno online.

Il porno viene normalmente fatto e guardato in Medio Oriente e altri milioni lo stanno guardando attorno al pianeta. In effetti alcuni dei principali consumatori di porno del mondo provengono dal Medio Oriente. Secondo i dati diffusi da Google, sei dei primi otto paesi per ricerche porno sono Stati musulmani. Il Pakistan è in cima alla lista al numero uno, seguito da Egitto al numero due. Iran, Marocco, Arabia Saudita e Turchia stanno rispettivamente al numero quattro, cinque, sette e otto. Il Pakistan è al primo posto nelle ricerche porno per animali come maiali, asini, cani, gatti e serpenti.

Secondo una ricerca fatta da PornMD, i termini “video porno squirting”, “video porno pompini” e perfino “Kendra Wilkinson” (ex fidanzata di Hugh Hefner) appaiono i primi 10 più ricercati termini provenienti da paesi come l’Iraq, la Siria e l’Iran. Le parole “video porno arabe” sono i termini porno più cercati in Egitto, Iran e Siria.

Le specifiche sono rappresentative di un cambiamento più ampio che si svolge in una società controllata da norme morali estreme. Il fatto che le tendenze porno all’interno della regione possano anche essere monitorate è impressionante, dato che la vendita di materiale erotico è vietata in quasi tutti i paesi arabi, ad eccezione del Libano e della Turchia.

Nel 2009, il governo iracheno con le nuove leggi sulla censura ha vietato diverso materiale ritenuto dannoso. Taher al-Naser Hmood, ministro culturale del paese, ha affermato: “La nostra Costituzione rispetta la libertà di pensiero e la libertà di espressione, ma che dovrebbe venire con il rispetto per la società nel suo insieme e per il comportamento morale. Non è facile bilanciare sicurezza e democrazia. E’ come essere un funambolo. ”

Ahmed Mohammed Raouf, ingegnere capo della Società di Stato per i servizi Internet, ha detto al New York Times, “Io non voglio fermare una persona che vuole vedere una certa cosa, ma voglio proteggere la società.”

Più di recente, il governo dell’Arabia Saudita ha annunciato di aver violato e disabilitato circa 9.000 account Twitter associati alla pubblicazione di porno gratis e arrestato molti dei proprietari. La mossa è stata organizzata dalla Commissione per la Promozione e la prevenzione del vizio, noto anche come pudore, la polizia religiosa saudita.

La buona notizia per i fan del porno nella regione è che un sacco di queste restrizioni sembra abbastanza facile da superare. Non è raro trovare i venditori lungo le strade armati di video porno.

Mia Khalifa, una ventunenne nata in Libano, è stata appena votata “PornoStar numero 1” su Pornhub, uno dei più importanti siti porno tube gratis che sta alla posizione numero 73 tra i siti più visitati al mondo, secondo la società di analisi Alexa. Khalifa si trasferì negli Stati Uniti all’età di 10 anni con la sua famiglia.

Khalifa, nei suoi film pornografici, gioca molto con il suo look arabo, a volte indossando un hijab mixato con scarpe sportive e trucco teso a rimarcare il suo esotismo. La sessualità grezza di Khalifa dissolve letteralmente gli stereotipi occidentali comuni sulle donne musulmane.

Molti musulmani conservatori hanno preso di mira Khalifa via Twitter, scrivendo cose come, “#miakhalifa, ti rendi conto che tu sarai la prima persona a finire nel fuoco infernale vero?” Un altro utente ha postato un’immagine modificata di un militante dell’Isis che tiene in mano la testa decapitata di Khalifa.

E lei non è sola. Dopo che Sila Sahin, attrice turco-tedesca, ha posato nuda per l’edizione tedesca di Playboy, ha ricevuto un gran numero di critiche. Le discussioni su siti web islamici a riguardo sono: “Lei deve pagare” e “Deve stare molto attenta.” Un utente ha scritto: “Io l’avrei uccisa perchè non si adatta con la mia cultura”.

Si tratta di un problema di sesso? O è un problema porno? O è solo un altro incidente di percorso in un percorso lungo e spinoso verso la parità di genere? Le donne sono messe al centro della scena in un sacco di pornografia, dopo tutto. Forse alcuni in Medio Oriente non sono interessati a vedere che questo accada. O forse credono che il sesso debba essere limitato a uno spazio più privato. Molti Stati musulmani dichiarano che la morale sociale cementata nei millenni non deve essere violata. I dati là fuori, tuttavia, suggeriscono che il loro pubblico la veda diversamente.